Ciao lettori di Power Svapo, oggi intervisto Gabriele, 33 anni che ha deciso di smettere di fumare la sigaretta analogica e di raccontarci il suo hobby: il mondo dello svapo e della sigaretta elettronica.

Continuano sul sito le interviste, sull’esperienza diretta e personale dei fumatori. Gabriele ci racconta la sua esperienza concreta e reale di fumatore e come è riuscito a trasformare il suo vizio in un vero e proprio hobby.

Power Svapo: Quando hai cominciato a fumare?
G: Il mio rapporto con il fumo è iniziato quando avevo 14 anni, rigorosamente con sigarette tradizionali (il tabacco trinciato, da rollare, era ancora di nicchia all’epoca). Ora ho 33 anni, di cui 4 lontani dal fumo analogico.

Power Svapo: Perché hai cominciato a fumare?
G: Ho iniziato a fumare per diverse ragioni, ma soprattutto nella maniera più comune ed ingenua per i ragazzi di quell’età: in primis sono stato convinto dagli amici, ma soprattutto perché avevo voglia di imitare i ragazzi più grandi e di provare le loro stesse sensazioni.
Senza contare che all’epoca (si parla della fine degli anni ’90) le campagne di sensibilizzazione verso il fumo da tabacco diretto, il fumo passivo e le conseguenze fisiche (soprattutto quelle rivolte verso l’utenza più giovane) erano più contenute, meno concrete e dirette rispetto a quelle attuali. Per questo motivo è stato facile “cascarci”.

Power Svapo: Quante sigarette al giorno fumavi?
G: Nel corso dei miei 15 anni da tabagista ho avuto 2 fasi: i primi 11 anni fumavo esclusivamente sigarette pronte, arrivando tranquillamente al pacchetto giornaliero.
Poco tempo dopo, spinto in parte dalla curiosità, ma più onestamente dal desiderio di regolare e limitare il mio vizio, sono passato al tabacco trinciato dove il mio consumo oscillava tra i 10 ed i 15 grammi di tabacco rollato ogni giorno.

Power Svapo: Qual’ era il tuo stato di salute?
G: Tutto sommato buono! Ho sempre goduto di ottima salute, molto probabilmente dovuta alla mia giovane età o per una buona costituzione fisica. Non ho mai sofferto di patologie o problematiche particolari derivanti dal fumo, anche se nell’ultimo periodo ho avuto un forte senso di disagio, fisico e psicologico.

Power Svapo: Perché sei passato alla sigaretta elettronica?
G: Sono passato alla sigaretta elettronica perché volevo allontanarmi definitivamente dal tabacco. Poi, spinto dalla curiosità e dall’influenza di alcuni amici già “svapatori” che mi parlarono a lungo dei pregi dello svapo, decisi di passare definitivamente alla sigaretta elettronica.

All’inizio che modello hai scelto e perché?
G: Iniziai ad avvicinarmi al mondo della sigaretta elettronica, tramite il consiglio di esperti, orientandomi verso un modello semplice ed equilibrato, un apparato a testina intercambiabile “Pen Style” molto in voga alla fine del 2013: il Ce4, montato su batteria eGo.
Mi sono trovato bene fin da subito e ho deciso di smettere di sfumare la sigaretta analogica. Dopo circa un mese sono passato ad un atomizzatore più performante e durabile: il Justfog Maxi montato su batteria VariVolt Spinner, che mi accompagnò per quasi un anno fino all’approdo verso il mondo degli atomizzatori rigenerabili. Il primo della serie fu un Kanger Subtank mini.
Al momento utilizzo solo ed esclusivamente atomizzatori rigenerabili, Tank (ad esempio GeekVape Griffin e Ammit) o Dripper (Noname, Tsunami, Velocity) e sistemi Bottom Feeder (Dripper alimentati direttamente da una boccetta ricavata all’interno della box) alloggiati su Big Battery elettroniche a wattaggio variabile e con funzioni avanzate.

Power Svapo: Fumi liquidi con nicotina?
G: Si, faccio ancora uso di liquidi con nicotina ma a gradazioni molto basse (da 1 mg ad un massimo di 3 mg) a seconda del tipo di sistema che ho in uso. Nicotina che, tengo a precisare, gradisco molto più per la sensazione di Hit (colpo in gola) che per dipendenza fisica vera e propria.
I primi periodi che fumavo la sigaretta elettronica utilizzavo un dosaggio abbastanza elevato (18mg), soprattutto per superare la dipendenza da nicotina tipica di chi abbandona le sigarette analogiche. Successivamente ho dimezzato il dosaggio a 9mg e sono riuscito pian piano a calarlo fino alle attuali gradazioni.
Nel corso degli anni ho sperimentato diversi tipi di aromi: dai dolci ai fruttati, dai sapidi ai mentolati, fino ai tabaccosi organici. Però non sono mai riuscito a trovare l’aroma “definitivo”, ma piuttosto un bouquet di sapori che preferisco rispetto ad altri e alcune marche che ho ritenuto più valide ed elaborate.

Power Svapo: Qual è il tuo stato di salute adesso che fumi la sigaretta elettronica?
G: Direi ottimo! Soprattutto per le mie papille gustative ed il mio olfatto. Inoltre ho ricominciato a fare sport e attività fisica, soprattutto all’aria aperta.

Power Svapo: Hai smesso di fumare le sigarette tradizionali?
G: Completamente (e felicemente).

Power Svapo: Senti il bisogno di fumarle ancora?
G: Assolutamente no! Anzi, il solo odore tutt’oggi mi disgusta, e direi che è un ottimo segnale. Fumare la sigaretta elettronica è diventata una passione, un hobby e un’esperienza continua di confronto su prodotti e sistemi che posso condividere con altri utenti, neofiti o esperti, nelle piattaforme social come nel mondo reale.

Se dovessi dare un consiglio ad un fumatore di sigarette con tabacco cosa gli diresti?
G: Gli direi di ponderare con decisione la scelta perché senza volontà non si fa molta strada. Ma soprattutto di farsi consigliare da persone realmente competenti sui prodotti che risultano più adatti allo scopo, sui dosaggi ideali e soprattutto sugli step necessari affinché si possa compiere l’abbandono delle sigarette analogiche nella massima serenità.

Se anche tu vuoi raccontarci la tua esperienza di svapatore e vuoi parlarci dei tuoi modelli preferiti di sigaretta elettronica, mandaci una mail a info@powersvapo.it